Privacy Policy

SECONDA UDIENZA: A PROCESSO GLI ATTIVISTI CHE LIBERARONO LE CAVIE DI FARMACOLOGIA A MILANO - - Radio Saiuz

Loading ...
Radio Saiuz TV
Loading ...
Ricerca
Radio Saiuz Classic
    Radio Saiuz
Sono le
di
Vai ai contenuti

Menu principale:

SECONDA UDIENZA: A PROCESSO GLI ATTIVISTI CHE LIBERARONO LE CAVIE DI FARMACOLOGIA A MILANO

Pubblicato da Rosario Moreno in Comunicato Stampa · 18/10/2017 17:46:00
COMUNICATO

SECONDA UDIENZA: A PROCESSO GLI ATTIVISTI CHE LIBERARONO LE CAVIE DI FARMACOLOGIA A MILANO

Il 30 ottobre si terrà la seconda udienza per il processo a carico delle attiviste ed attivisti del Coordinamento Fermare Green Hill (CFGH) che occuparono gli stabulari del Dipartimento di Farmacologia dell’Università degli Studi di Milano.

Il 20 aprile 2013 vennero portate all’esterno di quelle mura le immagini della terribile normalità della vita di migliaia di individui rinchiusi in gabbia e ridotti a cose usa e getta. Quel giorno, si entrò in azione in modo non violento ma deciso. Alcuni attivisti entrarono negli stabulari e li occuparono a volto scoperto con una coraggiosa e pacifica azione di disobbedienza civile chiamata “Abbattiamo il muro di silenzio”. Dalla strada sotto l'edificio e per tutta la durata dell'azione arrivava il sostegno di centinaia di altri attivisti e cittadini: quel giorno si ottenne la libertà per 400 topi ed 1 coniglio.

Lo scopo di quell’azione, oltre alla liberazione di chi viene imprigionato in nome di una scienza crudele e della diffusione delle immagini di quelle squallide gabbie, è stato anche quello di ribadire la ribellione ad un sistema che fa della mercificazione e sfruttamento dell’esistente più debole il suo punto di forza.

Nella vivisezione c’è tutta la prepotenza di una ricerca scientifica che è da sempre indisturbata, protetta da un muro di silenzio che ha permesso che all’interno dei laboratori, in nome della conoscenza e del benessere di pochi, si praticasse ogni genere di tortura su corpi prigionieri ed indifesi. Nella vivisezione si legge anche chiaramente la visione di una società che considera il più debole, il diverso da ingabbiare, allontanare, sfruttare, controllare. Specchio di un sistema che da sempre applica questa visione anche nei confronti dell’animale umano.

A distanza di quattro anni gli attivisti che si erano allucchettati per il collo ai maniglioni antipanico delle porte dello stabulario devono rispondere dei reati di invasione di edificio pubblico, violenza privata e danneggiamento (di fatto nulla fu danneggiato ma i ricercatori ritengono che col solo ingresso siano stati vanificati anni di ricerca). Il giorno 30 ottobre 2017 durante al seconda udienza avranno voce l'accusa e la voce della ricerca e della vivisezione. Gli attivisti imputati saranno presenti in aula e fin dal mattino davanti al Tribunale di Milano attivisti, liberazionisti, antivivisezionisti e cittadini saranno schierati a dare voce agli animali vittime dell'uomo e ai coraggiosi compagni del Coordinamento Fermare Green Hill.

Una nota dello stesso Coordinamento ricorda "La nostra azione del 20 aprile 2013 fruttò documenti inediti che uscirono dai laboratori di Farmacologia: immagini e informazioni che mai i ricercatori renderebbero pubbliche. Furono rese note le condizioni di vita degli animali torturati per la ricerca. Fu filmata e fotografata la prigionia di centinaia e centinaia di individui rinchiusi in scatole di plastica impilate su scaffali, dentro stanze senza luce naturale, senza aria, con il continuo rumore delle ventole di aerazione. Animali immobilizzati dalla paura, o in continuo frenetico movimento all’interno delle loro minuscole prigioni. Furono divulgati i testi dei protocolli attivi, i dati del registro di carico e scarico (con macabra ironia conservati in un fascicolo dal titolo Destinazione Heaven Destinazione Paradiso), con l'indicazione precisa degli animali uccisi, persi, scomparsi, morti e smaltiti come rifiuti. Nessun pentimento di quanto fatto per la causa della liberazione e della fine della vivisezione".

PER APPROFONDIMENTI
PAGINA fb
VIDEO

Bookmark and Share

Nessun commento

 
Privacy Policy
Cell. 393 7880 195
Questa WebRadio trasmette solo musica sotto Licenza Creative Commons.
Torna ai contenuti | Torna al menu