Privacy Policy

FIERACAVALLI: PER IL SECONDO ANNO CONSECUTIVO IHP NON SARA' OSPITATA DALLA MANIFESTAZIONE EQUESTRE - - Radio Saiuz

Loading ...
Radio Saiuz TV
Loading ...
Ricerca
Radio Saiuz Classic
    Radio Saiuz
Sono le
di
Vai ai contenuti

Menu principale:

FIERACAVALLI: PER IL SECONDO ANNO CONSECUTIVO IHP NON SARA' OSPITATA DALLA MANIFESTAZIONE EQUESTRE

Pubblicato da Rosario Moreno in Comunicato Stampa · 26/10/2017 17:24:00
COMUNICATO

FIERACAVALLI: PER IL SECONDO ANNO CONSECUTIVO IHP NON SARA' OSPITATA DALLA MANIFESTAZIONE EQUESTRE

Il presidente di IHP- Italian Horse Protection sarà comunque presente domani, invitato come relatore da Cavallo Magazine per parlare di anemia infettiva equina.

Anche per quest’anno IHP - Italian Horse Protection resta a casa. Una delle manifestazioni equestri più importanti in Europa non ha disponibilità di spazi da concedere gratuitamente a un’associazione attivamente impegnata nella tutela dei cavalli, che ogni giorno si muove tra sequestri, sensibilizzazione, denunce, investigazioni e altro ancora, con estrema difficoltà, senza ricevere soldi pubblici e potendo contare solo sulle donazioni.
A differenza dello scorso anno, questa volta non abbiamo neanche ricevuto una risposta ufficiale nonostante una richiesta scritta e svariati tentativi di contatto telefonico .
Questo ci rammarica molto, visto che negli anni precedenti IHP era stata presente con un suo stand grazie all’interessamento del Dot. Armando Di Ruzza, attuale Responsabile di Manifestazione.

Domani, 27 ottobre, alle ore 10,30 Il presidente di IHP è invitato come relatore presso lo spazio di Cavallo Magazine (padiglione 4 stand F6). Sonny Richichi parlerà di anemia infettiva equina e spiegherà l'assurdità di una legge che condanna a morte ogni anno tantissimi cavalli perfettamente sani, nel silenzio generale: una vicenda che dimostra come gli equidi siano purtroppo ancora considerati poco più che merce, senza alcun valore affettivo.
IHP è impegnata da oltre 10 anni sul tema dell’anemia infettiva equina e nel 2007 ha creato il primo centro di detenzione di equidi sieropositivi AIE che, pur sotto isolamento sanitario per obbligo di legge, vivono liberi, in branco e in perfetta salute, senza aver mai manifestato alcun sintomo della malattia: testimoni viventi di un atteggiamento sbagliato da parte delle autorità sanitarie nei confronti di un falso problema.
Richichi racconterà le storie di Saphira, di Csinszka e di altri cavalli uccisi senza alcuna ragione, vittime non del virus ma di una normativa inadeguata, di una burocrazia cieca e di profonda ignoranza.



Nessun commento

 
Privacy Policy
Cell. 393 7880 195
Questa WebRadio trasmette solo musica sotto Licenza Creative Commons.
Torna ai contenuti | Torna al menu