Privacy Policy

VOLA A 6.000 FIRME IN POCHE ORE LA PETIZIONE ONLINE LANCIATA PER DIRE NO IN ITALIA ALLA SPERIMENTAZIONE SUI RANDAGI E AGLI ALLEVAMENTI DI CANI E PRIMATI PER LA VIVISEZIONE - - Radio Saiuz

Loading ...
Radio Saiuz TV
Loading ...
Ricerca
Radio Saiuz Classic
    Radio Saiuz
Sono le
di
Vai ai contenuti

Menu principale:

VOLA A 6.000 FIRME IN POCHE ORE LA PETIZIONE ONLINE LANCIATA PER DIRE NO IN ITALIA ALLA SPERIMENTAZIONE SUI RANDAGI E AGLI ALLEVAMENTI DI CANI E PRIMATI PER LA VIVISEZIONE

Pubblicato da saiuz in Comunicato Stampa · 4/4/2019 20:40:00
COMUNICATO LEAL

VOLA A 6.000 FIRME IN POCHE ORE LA PETIZIONE ONLINE LANCIATA PER DIRE NO IN ITALIA ALLA SPERIMENTAZIONE SUI RANDAGI E AGLI ALLEVAMENTI DI CANI E PRIMATI PER LA VIVISEZIONE

LEAL Lega Antivivisezionista tra i promotori di una petizione indirizzata al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e alla Ministra della Salute Giulia Grillo. La causa è importante: dire no alla cancellazione del decreto legislativo 26 del 2014 che include dei miglioramenti alla tutela degli animali nel recepimento italiano della direttiva n.63/2010: cancellazione che la 12a commissione permanente "Igiene e Sanità", in data 12 Marzo 2019 ha approvato con l'assenso favorevole del Sottosegretario alla Salute Luca Coletto (Lega) l'impegno formulato dalla relatrice Senatrice Sonia Fregolent (Lega) con il parere sul doc LXXXVI, n. 2.

In questo modo è stato chiesto al Governo di eliminare tutto il lavoro fatto all'atto del recepimento della Direttiva 63/2010 sulla sperimentazione animale dopo le mobilitazioni di piazza di milioni di cittadini e cancellare i miglioramenti italiani rispetto agli altri Paesi europei.

La beffa è che fino al 31/12/19 sono state concesse delle deroghe a chi pratica la sperimentazione animale e agli allevamenti di cani e primati destinati alla vivisezione (Art 42 comma 1 D.Lgs. 26/2014 prorogata da L.19/2017), quindi con varie proroghe si è proseguito come se nulla fosse.

A causa di queste deroghe sarebbe possibile sperimentare sui randagi, e sarebbe ancora consentita la sperimentazione per xenotrapianti, sostanze d'abuso e senza anestesia. Pochi sanno che grazie alle proroghe sono ad oggi presenti in Italia allevamenti di cani e primati destinati alla sperimentazione. Allevamenti che a fine anno non sarebbero più leciti ma con la richiesta fatta non solo proseguirebbero la loro attività, anzi peggio: se ne potrebbero autorizzare di nuovi.

Il comitato promotore per gli animali
- LEAL LEGA ANTIVIVISEZIONISTA
Consulente scientifico Leal: Dr. Candida Nastrucci
- CIVIS FONDAZIONE HANS RUESCH
- Attivisti Animalisti M5S


LINK ALLA PETIZIONE


LEAL Lega Antivivisezionista
ONG Affiliata al Dipartimento di Pubblica Informazione ONU
www.leal.it

Ufficio Stampa
Silvia Premoli
mob. 328 044 0635
animalpress@animalpress.it




Nessun commento

 
Privacy Policy
Cell. 393 7880 195
Questa WebRadio trasmette solo musica sotto Licenza Creative Commons.
Torna ai contenuti | Torna al menu