Privacy Policy

Le News di oggi 10/12/2017 - - Radio Saiuz

Loading ...
Radio Saiuz TV
Loading ...
Ricerca
Radio Saiuz Classic
    Radio Saiuz
Sono le
di
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le News di oggi 10/12/2017

Pubblicato da saiuz in News · 10/12/2017 12:29:00
- Siria, l’assedio infinito alla Ghouta: in 400mila sotto le bombe: “Restiamo in vita mangiando il cibo degli animali”.
Un tempo area agricola di Damasco, oggi è controllata dall'Esercito dell'Islam, milizia fondata da Zaharan Alloush, jihadista siriano di stampo salafita ucciso da un raid russo nel 2015. Oggi, dopo 5 anni di bombardamenti, è una delle zone di "de-escalation del conflitto" in base all'accordo stretto da Damasco con i ribelli e mediato da Iran e Turchia. Ma l'assedio iniziato nel 2012 non accenna a terminare.

- Don Antonio Riboldi, morto a 94 anni il prete dei terremotati e vescovo anti-clan.
Vescovo di Acerra dal 1978 al 2000, è stato in prima linea contro la Camorra. Di sé disse: "Meglio ammazzato che scappato dai clan".

- Elezioni, Renzi: “Mai con Berlusconi. Grasso e Boldrini sono come Fini. Di Maio? L’incarico non lo dà il Sacro Blog”.
Il segretario del Pd apre la campagna elettorale e giura che non formerà mai un governo con il leader di Forza Italia, "resuscitato dal referendum costituzionale". Attacco a Boldrini e Grasso: "Sono come Pivetti e Fini, a loro non andò bene". E sulle chance di formare un governo da parte di Di Maio: "Non è una sfida tra me e lui, ma tra due classi dirigenti. Chi è più credibile?".

- Como, marcia Pd dopo blitz skinheads. Boldrini: “Fronte comune”. Ma Salvini: “Vogliono immigrazione fuori controllo”.
Centinaia di persone a "E questo è un fiore", manifestazione convocata dal Pd - alla quale hanno aderito Cgil, Mdp, Sinistra Italiana e Campo Progressista - dopo l'irruzione del Veneto Fronte Skinheads nella sede di Como senza frontiere. Il ministro Orlando: "Clima negazionista". Camusso: "Squadrismo fascista, come tali vanno trattati". Fiore (Forza Nuova): "Clima di odio contro di noi. Irruzione? Era atto pacifico".

- Venezuela, Maduro si gioca la carta della moneta virtuale per forzare il blocco finanziario.
Il Petro sarebbe la prima criptomoneta al mondo controllata da un governo e garantita dalle riserve del Paese. Secondo gli analisti le possibilità di successo di sono limitate, per la scarsa fiducia che ispira l'economia del Paese. Del resto anche “il bolivar è garantito dalle riserve e non ha forza”.

Bookmark and Share

Nessun commento

 
Privacy Policy
Cell. 393 7880 195
Questa WebRadio trasmette solo musica sotto Licenza Creative Commons.
Torna ai contenuti | Torna al menu