Privacy Policy

Le News di oggi 13/01/2018 - - Radio Saiuz

Loading ...
Radio Saiuz TV
Loading ...
Ricerca
Radio Saiuz Classic
    Radio Saiuz
Sono le
di
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le News di oggi 13/01/2018

Pubblicato da saiuz in News · 13/1/2018 06:57:00
- Consip, la Procura di Roma chiede una proroga di 6 mesi per le indagini su Luca Lotti e gli altri indagati.
La richiesta riguarda tutte le 12 le persone finite sotto inchiesta: oltre al ministro, il generale dei Carabinieri Emanuele Saltalamacchia, l'imprenditore Carlo Russo, il comandante dell'Arma Tullio del Sette, l'imprenditore Alfredo Romeo, Italo Bocchino, l'ex ad di Consip Domenico Casalino, Francesco Licci, Silvio Gizzi, Tiziano Renzi, il presidente di Publiacqua Filippo Vannoni e l'ex presidente di Consip Luigi Ferrara.

- Elezioni, Liberi e Uguali alle Regionali in Lombardia corre da solo: non sosterranno Gori.
Il candidato al Pirellone, dopo l'addio di Roberto Maroni, sarà Onorio Rosati, consigliere regionale ed ex Segretario Generale della Camera del Lavoro di Milano. Si tratta invece con il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti.

- Atac Roma, il piano industriale lacrime e sangue al vaglio dei giudici fallimentari: lo scoglio è il costo del lavoro.
Il gruppo di lavoro sulla richiesta di concordato preventivo si aspetta richieste di correttivi sul peso degli stipendi dei dipendenti ancora troppo elevato rispetto ai livelli di produttività. Nel mirino, i circa 1.200 impiegati – su oltre 11mila – che si portano via una buona fetta dei quasi 539 milioni annui spesi per il personale.

- Trattativa, la requisitoria dei pm: “Da Mancino omertà istituzionale. Dichiarazioni oscillanti su Borsellino”.
Continua nell'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo la requisitoria del processo sul patto segreto tra pezzi dello Stato e Cosa nostra. Il pm Nino Di Matteo ha passato in rassegna le accuse contro l'ex ministro della Dc, imputato di falsa testimonianza. Il pm Roberto Tartaglia ha delineato il profilo di un altro imputato: quello di Mario Mori.

- M5s, un altro ricorso di Borrè: questa volta per togliere nome e simbolo a Grillo.
L'avvocato anti-M5s dà di nuovo battaglia al garante dei Cinquestelle: tre giorni fa ha chiesto la nomina di un curatore per curare gli interessi del Movimento.
Un ricorso per togliere nome e simbolo al Movimento Cinque Stelle. A presentarlo è di nuovo il Comitato per la Difesa dei Diritti dell’Associazione M5s, guidato dall’avvocato Lorenzo Borrè, protagonista di altre battaglie giudiziarie contro i vertici del M5s. Borrè, dunque, porta Grillo di nuovo in tribunale, dove tre giorni fa ha chiesto la nomina di un curatore che rappresenti la prima associazione M5s, del 2009, per curarne gli interessi. Il presupposto è che Grillo avallando la costituzione della terza associazione M5s a dicembre, concedendogli anche il simbolo, sia in “conflitto di interesse” nel difendere i diritti dei primi associati.

Bookmark and Share

Nessun commento

 
Privacy Policy
Cell. 393 7880 195
Questa WebRadio trasmette solo musica sotto Licenza Creative Commons.
Torna ai contenuti | Torna al menu