COMUNICATO STAMPA Ogni cosa è illuminata 27.01.23 Castelfranco Veneto (TV)

Chiacchiere
Loading ...

Loading ...
Vai ai contenuti

COMUNICATO STAMPA Ogni cosa è illuminata 27.01.23 Castelfranco Veneto (TV)

Radio Saiuz Network
Pubblicato da saiuz in Comunicati stampa · 20 Gennaio 2023
Reading con accompagnamento musicale dal vivo
OGNI COSA E’ ILLUMINATA
Matàz teatro
Teatro Accademico Castelfranco Veneto
Via Giuseppe Garibaldi, 4 - Castelfranco Veneto (TV)
27 gennaio 2023 ore 20.30
Organizzato dalla Città di Castelfranco Veneto in collaborazione con Luisa Trevisi – Idee che danno spettacolo in occasione della Giornata della Memoria 2023, reading “Ogni cosa è illuminata” di Matàz Teatro con Marco Artusi e Giovanni Frison.
Il racconto è tratto dall’omonimo libro di Jonathan Safran Foer, autore di Molto forte, incredibilmente vicino.
Il libro Ogni cosa è illuminata ha vinto il premio National Jewish Book Award e un Guardian First Book Award. Nel 2005 è stato tratto anche l’omonimo film.
La riduzione ad opera dell’attore, regista e drammaturgo Marco Artusi è attenta a collegare tutti i fili narrativi - e di memoria - permettendo alla storia di svolgersi nei suoi aspetti esilaranti e a tratti strazianti.
Le musiche del compositore, musicista e sound designer Giovanni Frison, eseguite dal vivo, tra sonorità acustiche popolari e sperimentali, portano gli ascoltatori in un viaggio sonoro immersivo ed evocativo.
STORIA
Dove c’era Trachimbrod ora ci sono girasoli. I campi infiniti di girasoli dell’Ucraina. Nulla sembra segnalare la lontana presenza di un paese. Non la geografia fisica e nemmeno quella umana, perché semplicemente Trachimbrod è stato distrutto.
Prima dai nazisti, nello svolgersi della soluzione finale, e infine - dopo la guerra - da un incendio, quasi a porre fine a poco meno di due secoli di antisemitismo.
Ma se nulla segnala la presenza degli edifici, non significa che non ci siano segni di memoria di come era fatto e soprattutto di chi lo abitava.
Con una vecchia fotografia in mano, Jonathan, giovane studente ebreo americano, intraprende un viaggio in Ucraina alla ricerca di una donna che (forse) ha salvato suo nonno dai nazisti.
Ad accompagnarlo sono il coetaneo Alex, della locale agenzia “Viaggi Tradizione”, suo nonno - affetto da una cecità psicosomatica ma sempre al volante della loro auto - e un cane-guida puzzolente, Sammy Davis Junior Junior.
Il racconto del loro itinerario - un viaggio aggrappato ai fili della memoria, fili impregnati di vita vera, storie d’amore, vicende tragiche e farsesche - giungerà infine al campo di girasoli dov’era Trachimbrod e a una casa abitata da una donna che conserva, archiviati in scatole, i ricordi di chi abitava quel paese.
Si chiuderà allora il cerchio per Jonathan e anche per il nonno di Alex, mentre per Alex, che all’inizio è tutto concentrato in un effimero qui e ora per cui «il passato è passato [e] come tutto quello che non è di ora dovrebbe rimanere sepolto lungo il fianco dei nostri ricordi», emerge una vita mediata dalla consapevolezza delle proprie radici. Una vita nella quale il passato non “nientifica” il presente ma gli infonde nuova linfa e nuova sostanza.
Un’idea del tempo per la quale «ogni cosa è illuminata dalla luce del passato. È sempre lungo il nostro fianco. Dall’interno guarda l’esterno».
Ingresso gratuito

CURRICULUM ARTISTI:
MARCO ARTUSI
Inizia il proprio percorso artistico con la danza, lavorando in seguito con diverse compagnie, tra le quali: compagnia Comini, compagnia ErAcquario, Tanzprojekt di München.
Si diploma nel 1992 alla scuola del Teatro stabile di Genova.
Da allora entra in pianta stabile nella compagnia La Piccionaia – i Carrara, lavorando con registi quali Armando Carrara, Marcello Bar- toli, Enrico Bonavera, Mirko Artuso, Tonino Conte, Antonella Cirigliano, Flavio Albanese, Maril Van den Broek.
Sua la regia de “La seconda sorella” su testo di F. Bertozzi che vince il premio Palcoscenico 2004 di Bassano Operaestate 2004.
Dal 2002 al 2005 collabora, in qualità di regista e direttore artistico, con il gruppo sloveno di teatrodanza Skysma col quale nel 2005 vince il premio Župancic con lo spettacolo “Pogon” di cui cura la regia.
Lo spettacolo “Corpo in affitto” è finalista del “Premio Off del Teatro Stabile del Veneto”, sua la regia.
Nel 2017 debutta con "Cappuccetto rosso, il lupo e altre assurdità", vincitore del Premio In-Box Verde, primo classificato a Briciole di Fiabe Arezzo 2017, finalista del Premio Otello Sarzi di Montegranaro nel 2019 e secondo classificato al Festival di Teatro Ragazzi di Padova.
Nel  2014  fonda  Matàz  Teatro  di  cui  è  direttore artistico..
GIOVANNI FRISON
Compositore, sound designer e musicista.
Si diploma in Conservatorio in Musica Elettronica col massimo dei voti e in Composizione, studiando a Vicenza, L'Aia (Olanda) e Milano.
Si specializza nella composizione di musica per l'immagine e cura musiche e sonoro di decine di progetti audiovisivi (album di canzoni, musiche per il teatro, per ensemble, radiodrammi, live electronics, film, serie e spot).
Lavora per Fornace Srl componendo musiche originali e come foley artist e sound designer di spot pubblicitari di Aia, Pam, Nims.
A teatro collabora come compositore e sound designer con il Teatro Stabile del Veneto, il Teatro Metastasio di Prato, il Centro Teatrale Bresciano e con compagnie teatrali come Stivalaccio e Servomuto. Come arrangiatore con Giorgio Gobbo e Andrea Pennacchi.
Ha composto paesaggi sonori e musiche originali, lavorando anche alla post-produzione, di radiodrammi per Rai Radio 3.
Insegna pianoforte dal 2009 e tiene masterclass sulla creatività presso il Conservatorio di L’Aia e di Rotterdam.

Organizzazione a cura di Luisa Trevisi – Idee che danno spettacolo
LUISA TREVISI
Sono un Artist Manager e un organizzatore di eventi.
Mi dedico alla diffusione della musica e del teatro attraverso la distribuzione di spettacoli, letture, concerti, e l’organizzazione di festival e rassegne.
Rappresentando e occupandomi trasversalmente delle carriere degli artisti, sono una figura che gode della loro fiducia e che sa guadagnarsi quella dei potenziali clienti grazie alla qualità che contraddistingue la mia offerta artistica.
Sono convinta che il teatro e la musica debbano invadere lo spazio, non solo quello scenico. Scuole, sale consiliari, case di riposo, biblioteche, piazze, teatri, navi e spiagge tropicali rappresentano solo alcune delle cornici raggiunte dagli oltre 500 eventi organizzati attualmente al mio attivo.
www.luisatrevisi.com


www.saiuzmedia.it - saiuzradio@gmail.com - Tel. 393 7880 195
Powered by Flussonic
Torna ai contenuti