Privacy Policy

SOGNO DI MEZZ’ESTATE - - Radio Saiuz

Loading ...
Radio Saiuz TV
Loading ...
Ricerca
Radio Saiuz Classic
    Radio Saiuz
Sono le
di
Vai ai contenuti

Menu principale:

SOGNO DI MEZZ’ESTATE

Pubblicato da saiuz in Comunicato Stampa · 15/3/2019 12:50:00
COMUNICATO STAMPA

Spettacolo\nteatrale
SOGNO DI MEZZ’ESTATE



traduzione\ne adattamento
di Andrea Pennacchi
con\nMarco Artusi, Evarossella Biolo,
Gianluigi\nMeggiorin, Beatrice Niero
regia di Andrea Pennacchi
23 marzo 2019 ore 21.00
Palazzo Aliprandini Laifenthurn
Via Guglielmo Marconi, 54 Livo\n(TN)
Sogno di mezz'estate\ndi Matàz Teatro / Dedalofurioso
da "Sogno di\nuna notte di mezz'estate" di William Shakespeare
traduzione,\nadattamento e regia Andrea Pennacchi
assistente alla\nregia Davide Dolores
con Marco Artusi,\nEvarossella Biolo, Gianluigi Igi Meggiorin, Beatrice Niero
scenografia\nWoodstock Teatro
Distribuzione/Organizzazione:
LUISA TREVISI -\nIdee che danno spettacolo 347/8217393 - trevisi.luisa@gmail.com _ http://luisatrevisi.altervista.org/.
Lo spettacolo:
Il Sogno è\nconsiderato il primo vero capolavoro del giovane William Shakespeare, concepito\nnell’inverno del 1596. Tratta di un’estate ideale, magica, in cui intrecciare\nmiti greci, giovani innamorati, fate ed elfi del folklore letterario e rustici\nartigiani della campagna inglese intenti a preparare uno spettacolo amatoriale.
È, ci assicura\nl’autore, un sogno, ma di chi? Di Bottom/Chiappa? Di Puck? Dei giovani\ninnamorati? Del Pubblico?
Il sogno di\nchiunque, in una qualsiasi notte di mezz’estate, quando il mondo è più… grande.\nTalmente grande da permetterci di attraversare a piedi, in mutande per citare\nun poeta nostrano, i miti, le favole, le storie.
Il disaccordo tra\nTitania (avatar della dea Diana) e Oberon (signore celtico degli elfi),\nscatenato non dall’ennesimo tradimento ma da una questione di protocollo, di\npuntiglio, minaccia di distruzione l’intera realtà e di riversarsi sui loro\nprotetti umani: Ippolita, regina delle Amazzoni, e Teseo, signore di Atene, che\nstanno per sposarsi; la fuga di due coppie di innamorati (per loro natura\nappartenenti a tutti i tempi e a tutti i luoghi) nella foresta, e una\nscalcagnata banda di attori dilettanti nostrani forniranno a Puck, spirito\ndiabolico Anglosassone, l’occasione per riappacificare i due e salvare il\nmondo.
È una festa onirica\ndi racconti: amore, mito, fiaba, commedia casalinga; un arazzo di narrazioni\nintrecciate da Chiappa il tessitore, clown saggio e visionario, da Puck, il\ndemone incatenato e costretto a fare del bene, e Ippolita, l’amazzone sconfitta\ne moglie vittoriosa.
I tre saranno le\nvoci principali, le prospettive dei tre narratori impegnati a svolgere sotto i\nnostri occhi l’intero racconto dal punto di vista della corte, del bosco e\ndella città: narrando e vestendo a tratti i panni di tutti i personaggi dello\nspettacolo. Tre voci soliste in tre ambienti precisi, circondate da un coro\ndissonante di personaggi.
Questo sogno è per\nnoi: la visione di Chiappa, la magia di Puck, la crescita dell’immaginazione\nsancita da Ippolita, ci faranno essere qualcosa di più che mere ombre.
Atmosfera scenica
Il lavoro di\nscenografia e costumi è nato a seguito degli stimoli e riflessioni fatti\ninsieme al drammaturgo e attore Andrea Pennacchi: dov'è nascosto il fantastico\nnella nostra realtà quotidiana? Come sono e cosa rappresentano le fate e i\nfolletti ai nostri giorni?
Il nostro progetto scenico\nvuole presentare un Mondo al confine tra Realtà e Sogno, individuato nel\nconcreto ambiente di una camera da letto: è un luogo della casa dove ci si può\nsentire al sicuro, dove ci si può rinchiudere per sfuggire alla realtà\ncircostante, dove si possono fare sogni ad occhi aperti ed essere visitati\ndagli incubi la notte, quando ci si lascia vincere dal sonno.
E questo magico\nmomento può succedere proprio in una strana notte d'estate...
Matàz Teatro
Matàz Teatro nasce nel 2012 e\ncoinvolge diversi attori provenienti da un’esperienza comune fatta all’interno\ndell’allora Teatro Stabile d’Innovazione La Piccionaia-I Carrara. Alcune\nfortunate produzioni (“Sogno di una notte di mezz’estate” di W. Shakespeare,\n“L’avaro” di Moliere, “Ciranò e il suo invadente naso” liberamente tratto dal\n“Ciranò” di Rostand) ne avevano sedimentato le relazioni e stimolato le istanze\ncreative.
Dedalofurioso nel 2013 ha offerto\nuna casa a questo gruppo di attori e ha co-prodotto con loro alcuni spettacoli\nche coinvolgevano, di volta in volta, le diverse anime del gruppo: “Il\nmalloppo” di J. Orton con Artusi, Botti, Cremon, Dolores, e Meggiorin, “Le\nallegre comari” con Artusi, Biolo, Botti e Niero liberamente tratto da W.\nShakespeare di A. Pennacchi, “I vestiti nuovi dell’imperatore” con Artusi,\nBiolo e Niero. Ha debuttato nel 2017 il nuovo spettacolo di teatro ragazzi:\n“Cappuccetto Rosso, il Lupo e altre assurdità“ con Artusi e Biolo.
Anime diverse, differenti\nvisioni, molti modi di aderire ai progetti da portare avanti all’interno di\nMatàz Teatro o al suo fianco, ed è questa la nostra forza.
Siamo una matassa d’idee, un\ngroviglio di fili. Condividiamo la passione per un teatro vivo fatto con\nsemplicità in continua ricerca di relazione con il nostro pubblico: un teatro\nche abbia qualcosa da dire nei contenuti più che nei linguaggi dove i linguaggi\ndiventino la conseguenza di un pensiero sul perché raccontare una storia.
Il gruppo operativo si compone di\nquattro persone: Marco Artusi, Evarossella Biolo, Davide Dolores e Beatrice\nNiero.
Di Matàz Teatro in collaborazione\ncon Dedalofurioso: “Il malloppo” di J. Orton, “Le allegre comari” liberamente\ntratto da W. Shakespeare di A. Pennacchi, “I vestiti nuovi dell’imperatore”. Ha\ndebuttato nel 2017 il nuovo spettacolo di teatro ragazzi: “Cappuccetto Rosso,\nil Lupo e altre assurdità “, vincitore del 1°Premio a Briciole di fiabe 2017 di\nArezzo e del terzo posto al Premio In-Box Verde di Siena (17 maggio 2017).
 
\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n\n
Distribuzione dello spettacolo: Luisa Trevisi\n347/8217393 trevisi.luisa@gmail.com
Luisa Trevisi

347/8217393
trevisi.luisa@gmail.com
https://www.facebook.com/luisatrevisipagina/
http://luisatrevisi.altervista.org/



Nessun commento

 
Privacy Policy
Cell. 393 7880 195
Questa WebRadio trasmette solo musica sotto Licenza Creative Commons.
Torna ai contenuti | Torna al menu